UN PERCORSO FATTO DI PERSONE

chisiamo

Prima di diventare “381 storie da gustare” il nostro locale si chiamava “Cafè de la Paix Ferrara”, un nome ereditato dalla precedente gestione a cui la cooperativa sociale il Germoglio onlus è subentrata nel 2009. In realtà questo nome c’è sempre andato stretto perché non rispecchiava il valore sociale del nostro ristorante che è sede di importanti progetti di reinserimento lavorativo di persone in condizioni di emarginazione sociale, col fine di agevolare percorsi di autonomia personale.

Proprio per questo abbiamo deciso di trasformare il café in un bar ristorante chiamato “381 storie da gustare”. 381 è il numero della legge che regolamenta le cooperative sociali e prevede l’inserimento lavorativo di persone svantaggiate, invalidi fisici o psichici, tossicodipendenti o alcolisti, minori in età lavorativa in situazioni di difficoltà familiare, i condannati ammessi alle misure alternative alla detenzione. Perché è attraverso il lavoro che si può conquistare l’autonomia e la dignità. Le storie da gustare sono quelle che contaminano i piatti del nostro menù, le storie delle persone che lavorano o hanno lavorato nel locale, di chi lo gestisce, di chi è semplicemente venuto a mangiare e se n’è innamorato. Ognuna di queste persone ha lasciato le proprie tracce nei piatti, negli ingredienti, nell’arredo contaminandoli con un particolare delle loro storie. Di riflesso questa contaminazione pervade anche chi sceglie di sedersi ad un tavolo di questo locale.

Il 381, quindi, è un locale speciale, non un semplice bar ristorante, ma un luogo solidale e sociale dove la storia delle persone lascia una traccia indelebile in chi, per un motivo o per un altro, passa da qui.

Leave a comment