Il lato nascosto di Roberto

robii

Torniamo al 381 Storie da Gustare e grazie al prezioso lavoro di Giulio le parole prendono forma e una informale chiacchierata si trasforma in un racconto speciale…buona lettura con la storia di Roberto.

Roberto ha 52 anni, un fisico massiccio e il volto buono spruzzato da una barba sale e pepe. Fumiamo una sigaretta insieme e intanto mi racconta qualcosa su di sè: «Ho avuto delle difficoltà in passato, facevo fatica a parlare e ad avere rapporti con gli altri. Sono uscito di casa, sto in un alloggio ACER, mi alzo al mattino presto e vengo qui al 381 a lavorare».

Ma Roberto, come la luna, ha un lato nascosto che mostra a pochi…

Scrive racconti, poesie, pensieri, cose a cui è difficile dare un nome “letterario”, ma che gli sono indispensabili per vivere. «Vorrei che qualcuno si occupasse di me e capisse quello che scrivo, e perchè scrivo. Io sto bene, adesso mi sento in armonia con me stesso. Qui al 381 sono fra amici». Però, sembra intendere “in me c’è altro, io sono altro. Non meglio, né peggio, né di più. E vorrei che la gente se ne accorgesse.”

Sorride e accende l’ennesima sigaretta…

 

Leave a comment